LAVORO, MANDELLI (FI): LEZZI DIFENDE ERRORE INDIFENDIBILE

(9Colonne) Roma, 26 ott – “Sul dl dignità il governo, attraverso il ministro Lezzi, difende l’indifendibile e conferma la sua insensata sordità alle istanze delle imprese e alle ricadute sui lavoratori. Questo nonostante il rischio che le previsioni dell’Inps sugli ottomila occupati in meno all’anno per i prossimi dieci anni si rivelino persino ottimistiche”. Lo dichiara il deputato e capogruppo di Forza Italia in Commissione Bilancio Andrea Mandelli. “Secondo notizie di stampa – prosegue – al Mise già circolano dati neri sulle assunzioni a termine di settembre, numeri che d’altronde sarebbero in linea con quanto registrato ad agosto dall’Inps, che ha certificato un -13% sui contratti a tempo rispetto ad agosto 2017. Il decreto dignità è stato un errore macroscopico che l’esecutivo ha voluto portare avanti nonostante le critiche e gli avvisi giunti da più parti. Ripetere lo stesso copione anche sulla legge di bilancio sarebbe inaccettabile”, conclude.

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su reddit
Condividi su email