Il Giornale 01/03/2021-Tajani spinge per il cambio di passo immediato. “Gestione centrale della campagna di massa”

Nei giorni scorsi, il deputato Andrea Mandelli, responsabile del dipartimento Salute di Forza Italia, aveva offerto cifre rassicuranti di un possibile piano vaccinale. «Con stime prudenziali – aveva detto presentando il dossier – si potrebbero vaccinare anche 600mila persone. «Vanno messi in campo – aveva proposto – sanità militare, ospedali pubblici e privati accreditati, laboratori, poliambulatori pubblici, medici di base, pediatri, farmacie, centri trasfusionali, strutture fisse per le vaccinazioni, come fiere e palazzetti dello sport, unità mobili di somministrazione e medici del lavoro, così come ha proposto anche Confindustria, integrando il Fascicolo Sanitario Elettronico con l’anagrafe vaccinale». E lo stesso Mandelli ora torna sul tema chiedendo uno screening sierologico della popolazione per calibrare le inoculazioni e far sì che chi ha avuto il Covid sia esentato dalla seconda dose. Il problema resta infatti quello degli approvvigionamenti di vaccini.

Tajani spinge per il cambio di passo immediato. “Gestione centrale della campagna di massa”

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su reddit
Condividi su email